In Carnevale Cagliaritano

Lunghi cortei mascherati e carri allegorici che ripropongono momenti di vita vissuta sfilano lungo i rioni storici della città.

Una festa allegra e scatenata fatta di maschere classiche e, soprattutto, di personaggi della tradizione popolare cagliaritana che improvvisano sceneggiate divertenti e affollatissime. Tutto per celebrare “Su Rei Ciancioffàli” che resta il simbolo popolare della festa di fine inverno. Occorre precisare un’altra caratteristica originale del Carnevale di Cagliari, nel quale, insieme a personaggi dell’etnos locale, rivivono figure come “le panettèras”, ovvero le panificatrici a domicilio, che urlavano in piazza le magagne di tutti, “is tiàulus”, i diavoli che danzavano davanti al rogo finale, oppure “su caddemis”, il pezzente, “sa fiùda”, la vedova, “su dottori”, il Dottore, “su sabattèri”, il ciabattino, “sa dida”, la balia non asciutta, maestra di equivoci e tentazioni, e altri ancora. All’insegna della confusione prescritta dalla circostanza, nei giorni deputati impazzano cortei affollatissimi che paralizzano il centro cittadino. Di specifico resiste ancora il ritmo che scandisce la sfilata delle maschere: sa ratantina, cadenzata dal suono di tamburi e altri strumenti a percussione.

Posted in Informazioni turistiche.